Categoria

SIBILLA DELL’APPENNINO

Le sibille sono profetesse del politeismo greco, sono assimilate dal Cristianesimo e finiscono affrescate sui muri di chiese e palazzi nobiliari dal 400 in poi.

Poi c’è un’altra sibilla, la Sibilla dell’Appennino, che deriva da questa tradizione e prende una strada tutta sua.

Questa strada l’hanno segnata gli abitanti dei Sibillini, che nel corso dei secoli hanno tessuto racconti intrecciando la propria storia con quella della magica profetessa, dandole lunga vita e, allo stesso tempo, lasciando tracce del loro stesso vissuto, che fa parte della nostra storia.

Non ci sono misteri nascosti ma tracce di vita quotidiana coperte dalla polvere del tempo, è inseguendo quelle tracce, recuperando i diversi momenti della storia della Sibilla dell’Appennino, che si svela la storia del territorio.

Lo storico che studia la Sibilla dei Sibillini lavora per rimuovere la “polvere del tempo” e recuperare le fila della trama della storia.

SIBILLA DELL'APPENNINO

cercare Una sibilla sui Sibillini

L’Appennino umbro-marchigiano non è l’unica zona in cui sono presenti racconti su una sibilla. Le sibille, fin dall’antichità, sono figure indefinite e quindi si prestano ad essere interpretate e assimilate dalle più varie culture, quindi ciascuno le ha narrate a suo modo.

Sui Sibillini, però, la presenza della profetessa è talmente importante da dare il nome a una parte di territorio, a un monte, e a numerose zone su cui insistono i racconti che la riguardano. La Sibilla dell’Appennino, poi, ha delle particolarità che sono solo sue e derivano dall’intreccio tra la sua storia e quella del territorio, un intreccio che dà senso e valore ad entrambe solo se vengono ricordate insieme. Ma non sempre questo accade, purtroppo.

Nessun Commento
SIBILLA DELL'APPENNINO

Una sibilla sui Sibillini (seconda parte)

Una volta svanito il periodo delle streghe la Sibilla dell’Appennino non scompare, perché ormai la sua presenza è parte fondamentale della vita nei Sibillini. Può però finalmente “spogliarsi” della sua veste stregonesca e può assumere le caratteristiche di una fata, una di quelle creature magiche che, proprio dalla fine del Medioevo, si definiscono a partire da figure mitologiche come ninfe e satiri.

Nessun Commento
SIBILLA DELL'APPENNINO

Una sibilla sui Sibillini (prima parte)

panorama da montemonaco

La tradizione è materia di tutti, ciascuno può tramandarla ed è inevitabile che la narrazione orale porti a cambiamenti e modifiche. Esempio di questo sono i racconti della Sibilla dell’Appennino, che parlano di una profetessa dai mille volti proprio perché nella narrazione ci sono stati dei cambiamenti. Questi cambiamenti, però, non sono “contraffazioni” di una storia “vera”, ma parti diverse di una storia lunga, talmente lunga che ha dovuto affrontare epoche e esigenze diverse e ad esse è stata adattata. Ripercorrendo la storia della sibilla, quindi, si fa luce anche sulla storia del territorio che prende il suo nome, e sulla storia degli abitanti di quel territorio, che quei racconti li hanno portati fino a noi.

1 Commento
SIBILLA DELL'APPENNINO

Feste sibilline e senso delle tradizioni

Come è fisso l’ordito in un telaio, così sono fissi il tempo e le condizioni che un territorio detta a chi ci vive. In un dato posto e in un preciso momento una comunità puà avere bisogno di definirsi, o di farsi coraggio, di spiegare a sé stessa qualcosa, di festeggiare, o di mostrarsi ad altre comunità. Le feste e le tradizioni servono a questo, a ricordarci chi siamo.

​Nel telaio, però, la trama non è “fissa”, la decorazione è da decidere, così come le reazioni che la collettività può avere ad un evento su cui non ha potere, così come la trama delle storie che si tramandano di generazione in generazione.

Sui Sibillini è tessuta la trama di una storia, quella della Sibilla dell’Appennino, che cambia sempre forma e “decorazione”.

Nessun Commento
SIBILLA DELL'APPENNINO

oracoli, sibille e vesti

frontespizio oracoli sibillini edizione 1545

Una delle ragioni per cui le leggende della Sibilla hanno trovato dimora sul territorio umbro-marchigiano è la presenza di un antica sede oracolare sull’Appennino. Vitellio e Claudio il Gotico si recarono sugli Appennini a consultare un oracolo, e spesso questo viene identificato con la Sibilla dell’Appennino… sarebbe la sua “prima apparizione” nelle fonti scritte. Però l’identificazione non è così certa come sembra…

Secondo alcune interpretazioni, la sibilla dei Sibillini, utile ai “pagani”, sarebbe poi stata cancellata dalla Chiesa per eliminare ogni legame con un credo che si voleva smantellare; i racconti scritti nelle biografie dei due imperatori sarebbero però una prova rimasta della sua antica esistenza.

Nessun Commento
SIBILLA DELL'APPENNINO

La Sibilla censurata

copertina cinquecentina censurata

Il nome della Sibilla dell’Appennino scompare alla fine del Cinquecento dal romanzo che ha diffuso la sua storia. Ma questo cambiamento è una perdita per la cultura dei Sibillini? Certo che no! Anzi!

I racconti sulla Sibilla dell’Appennino nascono nel Quattrocento grazie a due romanzi: Il Meschino di Durazzo di Andrea da Barberino (poi conosciuto solo come Guerrin Meschino) e il Paradis de la Reine Sibylle di Antoine De La Sale.

I romanzi

Sia Barberino che De La sale parlano di un cavaliere che si reca nel regno della Regina Sibilla, una donna potente che vive nel ventre del monte che porta il suo nome ed è accompagnata dalla sua corte di eleganti dame e cavalieri. Questa corte vive nel peccato e nel lusso e così farà fino alla fine dei tempi quando sarà giudicata e dannata per sempre.

Nessun Commento
SIBILLA DELL'APPENNINO

Sibilla e Saltarello

disegno di saltarello

La leggenda della Sibilla dell’Appennino è stata trasmessa per secoli per via orale da pastori e contadini. La particolarità della tradizione è proprio questa: la trasmissione orale, grazie alla quale ciò che ci viene tramandato si arricchisce continuamente di contenuti nuovi e differenti. Questi vengono aggiunti o dimenticati in base al senso che hanno nella quotidianità di chi trasmette il racconto: una sorta di “telefono senza fili della cultura”, come dico spesso

Facendo il percorso inverso, oggi si può partire dalle testimonianze che abbiamo per cercare di recuperare le fila di un tessuto narrativo iniziato secoli fa: attraverso I racconti che risultano da questo “telefono senza fili” si può “entrare in contatto” con la quotidianità di persone che hanno abitato molto prima di i nostri stessi luoghi. Io ho provato a farlo partendo dagli affascinanti racconti sulle fate e il Saltarello…

Nessun Commento
SIBILLA DELL'APPENNINO

Angeruta: sibille, donne, strolleche

foto dello spettacolo di pretare

Nel 2009 ho cominciato ad addentrarmi nella storia delle sibille; stavo studiando le dodici sibille dipinte da Nicola Amatore, che in quel momento erano conservate nel Palazzo dei Governatori.

Vado a Visso, passeggio per la strada, chiedo ai passanti se conoscono le dodici sibille e incontro un signore molto gentile (Valerio Franconi, che ringrazio ancora di tante preziose informazioni) che mi parla della storia della “strolleca” (astrologa, usato per “veggente”) Angeruta.

Una delle sibille di Visso (la Samia) che ho fotografato il giorno della mia prima visita

Col tempo, continuando a studiare i dipinti, mi accorgo che le dodici tele c’entrano molto poco con Angeruta e molto poco anche con la Sibilla dell’Appennino, ma la storia di Angeruta è molto interessante e la sua trama è tessuta sul territorio più di quanto si avverte la prima volta che ci viene raccontata.

Decido di approfondirla un po’ ed ecco quello che trovo:

Nessun Commento
SIBILLA DELL'APPENNINO

Sibilla dell’Appennino / Sibilla Appenninica

Per descrivere la “nostra” sibilla, quella che la tradizione colloca nell’Appennino Umbro-Marchigiano, uso sempre il termine “Sibilla dell’Appennino”, mai la locuzione “Sibilla Appenninica”. Provo a spiegare perché.

La sibilla è in antichità una creatura indefinita: non abbiamo fonti certe per stabilire il suo nome, la sua provenienza o il luogo dove si poteva visitarla; allo stesso tempo è una figura molto potente (le sue parole erano la voce del dio!) e questa sua doppia particolarità l’ha resa nel tempo un personaggio prezioso per diverse culture. Grazie alla sua indefinitezza (e quindi duttilità) la sibilla ha attraversato epoche e storie, mutando sempre forma.

Nessun Commento